caterina de fusco, viaggio del cuore, rotta napoli-istanbul 04.04.2014>11.05.2014
martedì-domenica
ore 11.00-19.00
Officina delle Zattere

caterina de fusco
viaggio del cuore, rotta napoli-istanbul

A cura di Giovanni Gastel

“Caterina de Fusco ha due anime: una partenopea e una planetaria.
La sua anima napoletana la porta con sé ovunque, nei suoi occhi profondi e nella sua intelligenza agile e colta.
La sua fotografia è figlia delle capacità straordinarie di legare visione improvvisa e cultura.
Le sue immagini fresche e prive di eccessive sovrastrutture tecniche ci aprono alla scoperta del mondo da lei visto e contemporaneamente alla sua anima bella e al suo stupore, che è il sale dell’intelligenza.

Viaggio del cuore, Rotta Napoli-Istanbul è anche una prova di destrezza fotografica e intellettuale. Cosa lega questi due mondi apparentemente lontani?
Una profonda unità storico-culturale e oserei dire poetica.
Colori, forme, danze, divinità, gente, si uniscono davanti ai nostri occhi a riformare quel caos visivo che è la nostra memoria, con eleganza e poesia profonda.
Chi, meglio di Venezia, città cosmopolita per definizione, poteva ospitare una mostra che crea ponti tra popoli e spazi, figli tutti della cultura greco-romana ma mischiati a voci di tutto il mondo.
Sfogliare questo splendido album di fotografie è una gioia e insieme un’emozione grande. Le sue foto stupiscono se viste una ad una ma diventano ancora più forti nel loro insieme quasi musivo.
Non solo memoria di luoghi ma vera e propria macchina per sognare e creare paralleli e distonie che restano nella mente.
Brava Caterina!”.

 

Il lavoro “Napoli-Istanbul”, iniziato per un impulso emotivo e divenuto in seguito un progetto audiovisivo, è un testo multiforme, connotato da complessa stratigrafia.
Il lavoro appare come un viaggio esperienziale che cerca innanzitutto l’unione con se stessi e quindi con gli altri e con le genti.

La costruzione del racconto muove dall’esigenza di trasportare lo spettatore all’interno di uno spazio in cui poter percepire, sulla pelle, il bisogno di ricongiunzione di popoli e religioni. L’artista è convinta che, in questa delicata congiuntura storica, il lavoro celi, forte, quella volontà inespressa dei popoli di riconoscersi, comprendersi, allearsi.

Il percorso si compone primariamente di una discesa nel sottosuolo di entrambe le città, poi riemerge in superficie attraverso l’arte, la danza, la musica, la ceramica e l’osservazione del comportamento delle genti d’Oriente e d’Occidente. La connessione dei linguaggi, musicale, scritto e immaginifico, entra, scruta all’interno di realtà popolari e nobiliari, cercando di rendere visibile come l’arte permetta l’unione tra le genti.

Le foto sono parte dei viaggi fatti per far sì che il video si componesse.
Se la Terra, lambita dall’acqua, si fa specchio della vita, quest’ultima non può nascondere la bellezza e la creatività umana, che si manifesta nelle cromie di ceramiche, nei mosaici, nei dipinti, come nelle mura scrostate.
La Bellezza reca in sé il positivo, il negativo, il bianco e il nero, la luce e l’ombra.
Non è una chimera come vorrebbe la nostra società ma una danza manifesta, come il ruotare su un unico asse del sufi.
L’immagine di una Vergine, dell’ alfa e dell’ omega chiave del mondo greco, di una cisterna, di una “marginetta” cercano di condurre lo spettatore verso quel “sacro” che, in ciascuno di noi, esiste.
Ritornare al “sacro”, necessità sacrosanta del nostro tempo storico.

“Come napoletana, ho forgiato questo lavoro come atto d’amore nei confronti di Napoli, desiderando fortemente un potenziamento del già spesso background cittadino, che è vanto della mia formazione, ma non perdendo memoria che il Mediterraneo è da sempre elemento protagonista di contaminazioni e di unioni”.

image015_  image005_ image004_

Informazioni utili
Vernissage: 4 aprile ore 18, ingresso libero
Dal 5 aprile all’11 maggio 2014, da martedì a domenica, 11.00-19.00 Ingresso libero

In collaborazione con
Logo Turchia - completo sotto