svetlana ostapovici, identification 9.12.2015>20.12.2015
ore 10.00-18.00
Officina delle Zattere


svetlana ostapovici
identification

Artista: Svetlana Ostapovici

Curatore: Manuel Bortolotto

Visi che nella loro essenzialità vogliono ritrovare la propria individualità.
Le grandi sculture in mosaico di Svetlana sono il suo specchio e la sua storia, senza alcun riferimento fisiognomico alla sua persona ogni singola opera rappresenta un istante nella ricerca di se stessa.

«I sensi sono fortemente presenti nell’operare sia grazie al colore che alla materia (tessere di vetro) cui si unisce l’uso variegato e tattile delle superfici. E senza il sentire non c’è opera d’arte in quanto elemento primario del fare, dell’operare umano. Questa strada vuole, pretende di unirsi al pensiero, approdo che troviamo spesso nei suoi lavori con valenza intellettuale, come in “Contro il muro” o “Identificazione”. Ma l’elemento più originale, l’elemento di fusione che intende, aspira e riesce a superare le tanto frequenti dicotomie del nostro tempo è proprio l’immagine. L’albero, il volto che affiora da un forte colore rosso, o blu, l’acqua sia evocata nei riflessi che dipinta. Immagine di se stessa, immagini che generano spazio, immagini radicate nel tempo e nella memoria,immagini poi di quello che verrà nella speranza e nelle intenzioni. [...]
Spesso il nostro tempo si è troppo basato solo sui sensi, non riuscendo ad andare oltre questo stadio fortemente ancorato alla materia e alle cose. E per riuscire a liberarsi, tanto spesso ha usato l’intelletto in arte, raggiungendo astrazioni che poi nulla o poco avevano a che fare con l’arte stessa. E l’arte si è tanto dibattuta tra questi due binomi dimenticando la sua vera essenza umana, che tramite l’immagine dà calore, forza, forma, racconto e poesia al mondo astratto delle idee. E fa alzare, volare da terra il materialistico mondo dei sensi. È forse la sensibilità innata di Svetlana Ostapovici che le ha permesso questo salto? O il suo essere donna forse? O le tante diverse e sofferte vicende che poi trovano voce e respiro nella sua arte? Noi apprezziamo, impariamo e ricordiamo grazie al suo lavoro che siamo tanto, intrinsecamente e sostanzialmente fatti di quella materia, reale ed irreale al tempo stesso, che oggi chiamiamo immagini.»

Info:
Orari di apertura: dal 9 al 20 dicembre,
martedì-domenica, dalle 10.00 alle 18.00
Ingresso libero