survival. evaporations 04.06.2014>27.07.2014
martedì-domenica
ore 11.00-19.00
Officina delle Zattere

john pepper
survival.
evaporations

A cura di Roberta Semeraro

pepper 6“Survival” nasce come un progetto di architettura e fotografia, ideato da Roberta Semeraro, che analizza la sopravvivenza delle peculiarità architettoniche nazionali, quindi delle identità dei popoli, nell’epoca della globalizzazione dove sempre più si fa sentire un senso di estraneità e alienazione.

Nell’ambito di questo progetto, si inseriscono le fotografie della raccolta “Evaporations” di John Randolph Pepper, che è stata curata da Elisabeth Ferrer.
Vissuto tra Roma, New York, Parigi e Palermo, dove attualmente risiede, Pepper ha lavorato come fotografo, film-maker e regista teatrale, esponendo regolarmente in Italia, Francia Russia e Stati Uniti.

Le sue fotografie sono scattate nelle strade, negli aeroporti, nelle stazioni, insomma in quei luoghi di passaggio che lui per primo attraversa nei continui viaggi da un continente all’altro.
Ma l’indagine di John sulla sopravvivenza spazia anche nei luoghi colpiti dagli eventi climatici. Dei poetici scatti nei distretti desolati di Brooklyn e del Queens qualche mese dopo che furono devastate dall’uragano.

Pepper 8

Nelle fotografie di John, i luoghi non sono fonte d’ispirazione ma piuttosto possibili palcoscenici nei quali allestire l’immagine.
E’ innegabile però che ci sia quasi sempre una certa relazione tra i luoghi e i comportamenti, i pensieri di chi li abita o attraversa, ed è per questo che John sa dove cercare i suoi attori.

Per John che è figlio del mondo, la riva del mare diventa così un luogo ancestrale al quale fare ritorno e l’unico spazio assoluto dove potrà ancora sopravvivere l’autentica esistenza dell’uomo seppur spoglio della propria identità.

Informazioni utili
Vernissage: 4 giugno ore 18, ingresso libero

Dal 4 giugno al 27 luglio 2014, da martedì a domenica, 11.00-19.00
Ingresso libero