omaggio a gianni novak 04.06.2014>20.07.2014
martedì-domenica
ore 11.00-19.00
Officina delle Zattere

gianni novak
omaggio a Gianni Novak

1011585_1423637247890428_8332712203030788610_n

A quasi dodici anni dalla sua morte, avvenuta il 12 ottobre 2002, questa retrospettiva è l’occasione per riscoprire un artista importante del secondo Novecento italiano.

Nato a Perugia nel 1933, Gianni Novak è un artista eclettico, la cui arte spazia dalla pittura   alla scrittura, dalla filosofia alla musica, dal fumetto al teatro, dall’arte figurativa a quella astratta. Al 1955, a soli ventidue anni, risale la sua prima mostra personale a Roma, la prima  di una lunga serie in tutto il mondo (esporrà, infatti, anche a Montreal, Parigi, Torino,  Napoli, Firenze, Bruxelles, Beirut, New York, Grenoble, Madrid e Damasco).

Importanti per la sua formazione e per la sua ispirazione furono i lunghi soggiorni a Parigi, e la frequentazione di artisti e circoli letterari come ad esempio il Gruppo 63.

La ricerca formale svolge per questo pittore un ruolo chiave nella sua attività, è l’essenza stessa dell’essere artista. Per lui il compito di un artista era comunicare agli altri un messaggio poetico in qualsiasi modo e con qualunque mezzo.

Osservando le sue opere si viene risucchiati in un mondo caleidoscopico, popolato da donne sensuali, animali, simboli magici e alchemici, arlecchini e una fitta schiera di politici, prelati, uomini mascherati e sadici e gente comune.

gianni novak3Scrive Antonio Del Guercio: “La pittura è, per Gianni Novak, uno degli strumenti più esemplari e più efficaci per ritrovare la via smarrita che può collegare i modi moderni della conoscenza, dell’espressione, della comunicazione, alle antiche saggezze, e ai loro sepolti patrimoni. Questo ritrovamento possibile deve passare, da una parte, attraverso una lettura comparata dei diversi codici simbolici delle antiche saggezze (dalle mitologiche alle alchemiche, sino ai tarocchi), e, dall’altra, attraverso una rielaborazione moderna.”

Informazioni utili
Vernissage: Sabato 21 giugno ore 18, ingresso libero

Dal 4 giugno al 20 luglio 2014, da martedì a domenica, 11.00-19.00
Ingresso libero